Tabelle pivot, caratteristiche ed esempi

Come aggregare, sommare, filtrare e comparare dati.

Le tabelle pivot in Excel sono un ottimo modo di lasciare i propri dati sorgente così come sono e lavorare su una copia di questi. Creando infatti una tabella pivot, automaticamente generate un nuovo spazio di lavoro per filtrare, raggruppare, sommare e comparare dati senza neppure toccare la tabella dati originale. Vediamo alcune funzioni delle tabelle pivot.

Raggruppare o aggregare dati

Questo è di gran lunga la funzione principale delle tabelle pivot. Cominciamo con qualche esempio per renderla più chiara.

Se avete a che fare con le date (il che significa serie di giorni, mesi, anni e così via) un modo comune di leggere i dati, specialmente se avete molti dati da analizzare, è raggruppando le righe in gruppi più significativi come settimane, trimestri e così via. Questo vi permette di avere meno dati da guardare e probabilmente informazioni più utili.

Automatic Grouping - Quarters

Grouping months into quarters

Usate il quadrande in basso a sinistra (chiamato Etichette di riga) per ragruppare.

Row Labels quadrant - Grouping

Il raggruppamento può essere manuale o automatico dal momento che Excel è capace di capire se si tratta di dati raggruppabili (es. date), suggerendo così possibili gruppi.

I sotto gruppi sono anch'essi una grande invenzione, e supportano livelli multipli di aggregazione così che la tabella pivot diventa da sé uno strumento di analisi dei dati.

Subgroups - monthly, weekly, daily earnings

Sommare dati

La somma è la cosa più semplice che si possa fare con una tabella pivot. Trascinate semplicemente il campi che volete vedere sommato sul quadrante in basso a destra (chiamato Valori) ed è fatta. Excel automaticamente suggerisce un'operazione che abbia senso per il campo scelto, di solito Somma, ma vuoi potete facilmente cambiarla a Conta, Media o qualcos'altro che vi sia utile. La somma è persino pià potente se usata insieme ai Filtri e ai Gruppi (come visto prima).

Sum data example

Summarize Data - Design View

Filtrare dati

Le informazioni rilevanti spessono non si evidenziano subito quando guardate una pivot, ecco perché probabilmente avrete bisogno di diverse viste sullo stesso insieme di dati. E qui arrivano i filtri (quadrante in alto a sinistra chiamato Filtro), che permette di includere o escludere dati dalla vostra vista. Filtri multipli sono chiaramente supportati e sono la mia funzionalità preferita, poiché i filtri inseriti invece nelle tabelle dati di Excel non sono poi così flessibili.

Pivot table filter example

Comparare dati

Ultima ma non per importanza la comparazione di dati. Le tabelle pivot sono lo strumento migliore per confrontare dati, specialmente quando dovete tirar fuori dei grafici. Proviamo subito a calcolare ad esempio la differenza percentuale tra quest'anno e l'anno scorso in termini di profitti, concludendo con la generazione di un grafico lineare che visualizza i due trend annuali confrontati tra loro. Useremo il quadrante in alto a destra chiamato Colonne.

Comparare dati anno su anno - Come mostrare la differenza con una tabella pivot

Comparing Year on Year Data

Comparazione anno su anno - Grafico che mostra la differenza percentuale

Comparing Year on Year Data

Progettazione - come ottenere un grafico anno su anno

Comparison Design View

Vedi anche